Ti trovi in: Home » Blog » Storie di Sardegna » Society

Society

La sanità senza ragione della regione

La sanità senza ragione della regione

Il manager della Sanità Sarda, Moirano, afferma che per Alghero due ospedali son troppi; ma nel frattempo migliaia di algheresi rinunciano a curarsi perché non se lo possono permettere. E la restante parte, ne farebbe volentieri a meno…

“Che ci siano due ospedali in una città come Alghero, con una popolazione di 50mila persone e un distretto di 75mila abitanti, è un’anomalia da superare”. Parola di Fulvio Moirano, direttore generale dell’Ats, l’Azienda unica per la Tutela della Salute in Sardegna, ex ASL. Lo dichiara senza pudore, a margine dell’incontro avuto con i sindaci del Distretto sanitario di Alghero, non più di qualche giorno fa. Un distretto vasto, che comprende i Comuni di Banari, Bessude, Bonnannaro, Bonorva, Borutta, Cheremule, Cossoine, Giave, Ittiri, Mara, Monteleone Rocca Doria, Olmedo, Padria, Pozzomaggiore, Putifigari, Romana, Semestene, Siligo, Thiesi, Torralba, Uri e Villanova Monteleone.Leggi tutto »La sanità senza ragione della regione

L'orgoglio ritrovato di una comunità intera

L’orgoglio ritrovato di una comunità intera

Decine di migliaia di visitatori in città al seguito del Giro d’Italia; servizi e riprese televisive, per un’esposizione mediatica senza precedenti. E Alghero prova a sconfiggere l’isolamento

Da pochi giorni, si sono spenti i riflettori sui due eventi di portata internazionale che ha visto Alghero al centro della scena. I campionati del mondo di tennis in carrozzina e l’edizione numero 100 del giro d’Italia. E se il primo, ha fatto il miracolo di cambiare la nostra percezione comune riguardo la disabilità; il secondo, ne ha sortito uno ancora più grande: ha ricompattato una comunità intera, intorno alla propria identità.Leggi tutto »L’orgoglio ritrovato di una comunità intera

1 maggio

Il 1 maggio e la danza del lavoro

Una data simbolo per molte generazioni, ora, triste celebrazione di un lavoro che non c’è più. O almeno, così credono in tanti…

Da lungo tempo, il primo giorno del mese di Maggio, è dedicato alla festa del lavoro. Fin da bambino, l’ho sempre conosciuta e aspettata. Non perché ne capissi il suo profondo significato sociale e politico, piuttosto perché regalava un giorno di vacanza extra. Lo regalava ieri, quandoLeggi tutto »Il 1 maggio e la danza del lavoro